Piscine /

Piscine tradizionali e piscine autoportanti: tu quale scegli?

Piscine tradizionali e piscine autoportanti: tu quale scegli?

La scelta della piscina su misura ai propri desideri non è cosa da affidare al caso. Vuoi sapere i pro e i contro di piscine tradizionali e piscine autoportanti? Eccoli qui

Piscine tradizionali interrate o piscine autoportanti gonfiabili? Il dubbio, seppure meno celebre rispetto all’amletico di ‘Shakespeareana’ memoria, oggi riveste un interrogativo frequente, che molte famiglie si pongono quando si tratta di ritagliarsi un piccolo angolo privato dove ripararsi dalla canicola estiva e trovare lì un momento di relax e ristoro, con l’acqua a fare da specchio riflesso ai problemi quotidiani. Entrambe le opzioni possibili possiedono pro e contro da valutare attentamente prima di effettuare una qualsiasi scelta e acquisto.

Piscine tradizionali interrate: perché sceglierle

Le piscine interrate rappresentano l’acme dell’estetica, richiamando l’immaginario comune a quell’idea di piscina con i bordi a livello del terreno e la vasca completamente sotto il suolo che si vede nelle case dei sogni. Sono piscine con un’ampia offerta di tecniche di costruzione e materiali, i cui principali sono cemento armato, acciaio e vetroresina.

 

Tutti materiali che offrono quindi un’alta resistenza ad agenti atmosferici e chimici e una lunga tenuta nel tempo. I costi di manutenzione e realizzazione della stessa tuttavia possono arrivare a scoraggiare i più, rendendo la piscina interrata non un’esclusiva come in passato, ma comunque un’opzione adatta ai più abbienti. Per non parlare dell’indispensabile necessità di spazio per realizzarla.

Piscine autoportanti: perché sceglierle

Il maggior successo delle piscine autoportanti fuori terra è da ricercare invece proprio nel costo più accessibile e nell’estrema praticità d’installazione, senza dover ricorrere a scavi e a grandi porzioni di giardino, ma avvalendosi nel peggiore dei casi di un livellamento del terreno.

 

Si tratta di piscine facili da smontare al termine della bella stagione, che non necessitano di alcuna concessione edilizia e non soggette a tassazioni in quanto ‘bene di lusso’. La forma di una piscina autoportante varia a seconda della struttura utilizzata e può essere di vario tipo. Fra le più vantaggiose sicuramente quelle in pvc gonfiabili.

piscina autoportante gonfiabile.jpg

Piscine autoportanti in Pvc gonfiabili

Fanno parte della categoria di piscine autoportanti morbide. Sono economiche e facili da montare/smontare. La struttura è ad un tempo resistente e leggera, capace di garantire resistenza a grandi quantità d’acqua assicurando relax e divertimento al suo interno.

 

Per l’istallazione è sufficiente collocare la struttura in uno spazio adeguato e lì gonfiare l’anello superiore. Quindi riempire il fondo. La vasca è autoportante e perciò la struttura riesce ad alzarsi grazie alla spinta fornita dall’acqua versata.

E voi? Qual è la tipologia di piscina che più si adatta alle vostre esigenze e gusti?