Piscine /

Come utilizzare il materasso gonfiabile: 5 consigli per un buon uso

Come utilizzare il materasso gonfiabile: 5 consigli per un buon uso

Il materasso gonfiabile ha tutte le carte in regola per diventare il vostro amico inanimato preferito. Tutto passa dal buon uso che ne viene fatto. Ecco perché abbiamo pensato di darvi alcuni precetti da seguire per sfruttarne tutti gli agi e i vantaggi.

I materassi gonfiabili al giorno d’oggi sono molto popolari, nonostante la loro recente diffusione. Si tratta di accessori indispensabili per la loro funzionalità che, grazie alla tecnologia, è passata dall’essere costretta al solo campeggio ad espandersi sino agli usi più impensabili sino a qualche anno fa.

Ma per sfruttare al meglio tutti i confort e i vantaggi di un materasso gonfiabile è bene avere presenti alcune regole base per il suo utilizzo.

1. Testare il materasso gonfiabile

Ogni materasso gonfiabile viene testato in fabbrica per verificarne in buon funzionamento prima di essere immesso sul mercato. Ma la sicurezza non è mai troppa e il consiglio è quello di gonfiarlo a casa il prima possibile.

La precauzione magari si rivelerà uno scrupolo eccessivo, ma in caso contrario potrebbe tornarvi utile sin da subito per rilevare eventuali buchi nella struttura floccata di pvc ed evitarvi così brutte sorprese in momenti meno opportuni.

2. Gonfiare il materasso alla giusta pressione

Dopo averlo gonfiato per verificarne il corretto funzionamento, procedete al gonfiaggio vero e proprio, quello che porterà il vostro materasso a calzare il più possibile ai vostri gusti. Il gonfiaggio ideale e perciò consigliato è moderato (0,02 BAR o 0,3 PSI), che permetta di sedersi sul materassino e sfiorare il pavimento. Una volta gonfio al punto giusto, ci penserà poi il materasso ad avvolgervi nel miglior confort sperato.

3. Ottimizzare la zona in cui posizionare il materasso gonfiabile

L’unico rischio che si corre acquistando un materasso gonfiabile è che si buchi. Per cercare di limitare questa eventualità, è consigliato riorganizzare la zona in cui s’intende porre l’accessorio, in modo tale che niente rischi di interferire con i vostri futuri momenti di relax.

Togliete quindi oggetti ingombranti e spigolosi, non mettetelo troppo vicino a fonti di calore ed evitate che oggetti contundenti sfiorino la superficie del materasso.

4. Sgonfiare e piegare correttamente il materasso prima di spostarlo

Se doveste intraprendere un viaggio con l’intento di portare con voi il materasso gonfiabile, fate molta attenzione durante la fase di sgonfiaggio. Conservarlo e riporlo con cura dentro l’apposito contenitore può essere un’operazione che vi garantirà un utilizzo duraturo del materasso. Lasciatelo perciò sempre sgonfiare da solo, aprendo la valvola dell’aria e lascinado il tempo al gonfiabile di tornare piatto.

5. Conservarlo

Dicevamo appunto: conservarlo. Se decideste di non utilizzare il materasso gonfiabile per un periodo di tempo prolungato, fate il modo di riporlo nella sacca e tenerlo al riparo dalla luce, in un luogo temperato. Così da evitare l’usura. Ma in fondo, perché dovreste smettere di usare il vostro materasso gonfiabile?