Piscine /

Copertura piscina fuori terra: ecco come utilizzarla in estate

Copertura piscina fuori terra: ecco come utilizzarla in estate

Per una piscina fuori terra, la copertura isotermica è essenziale anche in estate. Scopri perché e come usarla al meglio

Prendersi cura di una piscina fuori terra è più semplice con le coperture estive! Proprio quando la tua piscina è in piena attività, il telo di copertura è un accessorio davvero prezioso che aiuta a mantenere l’acqua pulita più a lungo, riducendo i costi per l’utilizzo di prodotti chimici, robot e kit di pulizia.

Ma forse ancora non sai che questa non è l’unica funzione della copertura estiva. I vantaggi di un suo corretto uso, possono tradursi anche in un notevole risparmio sui costi di gestione della piscina, grazie alla riduzione della dispersione del calore e della conseguente evaporazione dell’acqua durante la stagione calda. Se non sai quale scegliere, scopri qual è il modello più adatto alla tua piscina fuori terra. 
Perché usare la copertura estiva per piscine?
Copertura estiva piscine.jpg

In estate, proprio come in inverno, il telo di copertura per piscine fuori terra assolve, prima di tutto, un’importante funzione di protezione contro gli agenti esterni, ma anche contro l’accumulo di foglie, detriti e insetti. Inoltre, così come le coperture invernali tengono al riparo dal gelo e dalle intemperie, quelle estive fanno da scudo per i raggi UV e le temperature elevate, contribuendo alla buona conservazione della piscina, senza necessità di smontarla.

In secondo luogo, usare un telo di copertura in estate (durante le ore notturne o nei periodi di inutilizzo) è utile a prevenire la proliferazione delle alghe: impedendo alla luce di filtrare, la copertura inibisce il processo di fotosintesi clorofilliana. Il tutto con grossi benefici in termini di costi di pulizia. La copertura estiva, infine, consente di risparmiare sui costi di rabbocco giornaliero dell’acqua. Il telo, infatti, riduce il fenomeno di evaporazione dell’acqua e, al tempo stesso, mantiene la temperatura dell’acqua più elevata, evitando un’eccessiva dispersione del calore. 
Tipi di copertura per piscina: quale scegliere? 
telo copertura estiva piscine fuori terra.jpg
La distinzione più comunemente effettuata è quella generica tra coperture invernali e coperture estive, anche se in commercio è possibile trovare teli estate/inverno, adatti a tutte le stagioni. Ma quando si parla di telo di copertura estiva per piscine fuori terra, quale conviene usare? I teli isotermici rappresentano una delle migliori soluzioni disponibili, in termini di capacità di isolamento, ma anche di robustezza e resistenza nel tempo. Si tratta di coperture in materiale plastico (come PE, PP o PVC) che mantengono la temperatura dell’acqua più elevata, riducendone l’evaporazione.

In particolare, per una piscina fuori terra, la copertura a bolle semitrasparente risulta particolarmente indicata per le sue elevate proprietà isolanti (superiori a quelle della copertura in mousse, più adatta alle piscine interne) e per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Il lato ricoperto dalle caratteristiche bolle, una volta a contatto con la superficie dell’acqua, è in grado di creare un effetto ventosa che impedisce al telo di sollevarsi o spostarsi per effetto del vento o altri agenti.


Ma l’ultima innovazione nel settore sono le coperture liquide per piscine, particolarmente adatte a vasche di dimensioni o forme particolari, alle quali è difficile adattare un telo standard.

Cos’è una copertura liquida? Si tratta di una sostanza a base di 2-propanolo (completamente innocua per la salute) in formato liquido che, una volta versata nell’acqua della piscina, crea una sorta di pellicola invisibile, inodore e biodegradabile, che assolve le stesse funzioni di protezione e isolamento della copertura isotermica a bolle. Questa soluzione sta ottenendo grandi consensi, non solo per la sua efficacia, ma anche perché presenta zero ingombro e non danneggia l’estetica della tua piscina fuori terra.