Piscine /

Come riscaldare la propria piscina in 3 semplici step

Come riscaldare la propria piscina in 3 semplici step

Vuoi sapere come riscaldare la tua piscina in pochi step? Ecco una guida pratica che ti aiuterà a capire i segreti per mantenere l'acqua calda

La durata della stagione di apertura della piscina è molto soggettiva, e dipende dal gusto personale e dal clima. Eppure, non mancano gli espedienti per riscaldare la piscina anche qualora la stagione estiva stia volgendo verso il proprio termine. Vediamo assieme quali.

Step 1: copertura termica

Il primo step per riscaldare la piscina è l’utilizzo della copertura termicaSi tratta di un telo isotermico a bolle d’aria, formato da un doppio foglio galleggiante. Esso permette di mantenere il calore dell’acqua all’interno della vasca per poterla sfruttare ancora più a lungo e contenere così i costi dovuti all’impianto di riscaldamento. Come? La copertura termica impedisce all’acqua di evaporare, disperdendo calore. Non solo, offre persino la possibilità di aumentare la temperatura dell’acqua sfruttando il fatto che il lato del telo che poggia a contatto con la superficie liquida sia argentato e favorisca così la ‘ritenzione’ del calore solare. Inoltre, questo espediente mantiene la piscina pulita, impedendo alla sporcizia di cadere all’interno della vasca. Le raccomandazioni circa l’utilizzo del telo termico sono di pulirlo accuratamente al termine di ogni stagione ed evitare di utilizzarlo nei momenti in cui si compie una colorazione o quando i livelli del cloro sono molto alti.

Step 2: liner

Il liner per il riscaldamento delle piscine fuori terra è un telo flessibile che consente alla vasca di essere impermeabile. Esso viene premuto sul fondo e alle pareti dalla pressione dell’acqua della piscina per aderire meglio. Prodotti al 100 percento resistenti a strappi o eventuali decolorazioni, hanno il vantaggio di scambiare la propria temperatura con quella dell’ambiente esterno, sfruttando così tutta la luce solare a disposizione per riscaldare anche l’acqua con cui si trova in contatto. Abbinato alla copertura termica di cui sopra rappresenta un secondo passaggio economico e funzionale a mantenere all’interno della propria vasca una temperatura piacevole più a lungo nel tempo.

Step 3: accessori per il riscaldamento dell’acqua

Il passaggio più avanzato rispetto ai suggerimenti precedenti è rappresentato da accessori tecnologici mirati a riscaldare la piscina. Un esempio è la pompa di calore. Questo innovativo sistema riscalda l’acqua che vi passa attraverso sfruttando il calore dell’aria esterna ed è collegata all’impianto della piscina tramite un by-pass. Il luogo in cui posizionarla è preferibilmente esposto al sole il più tempo possibile, in uno spazio arioso che non possa interferire con il corretto ricambio di aria. Le dimensioni e il prezzo dell’accessorio in questione variano in proporzione alla cubatura della piscina. Ha inoltre assorbimenti d’energia che variano anch’essi in base alla grandezza della vasca da scaldare. Per ottenere risultati più soddisfacenti è comunque consigliabile abbinare la pompa di calore alla copertura termica, in modo da poter utilizzare la piscina anche quando la temperatura esterna non sia più elevata. I modelli più avanzati arrivano a rendere l’acqua accessibile anche con temperature esterne di 4/5 gradi centigradi. Meno efficaci della pompa, ma allo stesso tempo più economiche, possono essere soluzioni come il riscaldatore elettrico, in acciaio o titanio, da collegare direttamente al circuito di filtrazione della piscina. Oppure il riscaldatore solare a cupola, da apporre sopra tutta la superficie interessata, che permette così di catalizzare l’azione dei raggi solari ‘catturati’ per aumentare la temperatura della piscina in maniera del tutto naturale.

 

Cosa aspetti? Segui anche tu i suggerimenti e attivati per prolungare tutto il benessere e il divertimento che solo una piscina ben riscaldata può offrire.